19 Aprile 2019

Assassin’s Creed IV: Black Flag

Ambientato nei Caraibi del XVIII secolo, il prossimo capitolo della saga ha un nuovo protagonista e un intero oceano da esplorare

Si cambia ancora. Dopo gli Stati Uniti della Rivoluzione, la serie più amata dai killer armati di joypad si sposta in un contesto e un’epoca diversi: Assassin’s Creed IV: Black Flag, fresco di annuncio, è ambientato nel 1715 nel mare di Caraibi, dove i pirati hanno fondato una repubblica a modo loro (ossia senza legge).

Partendo dalle battaglie navali sperimentate nel capitolo III, i tipi di Ubisoft hanno deciso di puntare su questa dinamica di gioco mettendola al centro della nuova avventura. Nei panni del protagonista, l’assassino-pirata Edward Kenway (nonno di Connor Kenway), esploreremo a piacimento una enorme porzione di oceano, disseminata di navi da assaltare e terre da esplorare; potremo anche provare il brivido di immergerci nelle profondità degli abissi a caccia di tesori.

Non mancano ovviamente le grandi città, come Kingston, Havana e Nassau, giusto per non perdere l’abitudine a saltare su e giù dai tetti.

Per la prima volta nella serie il protagonista sarà abilitato ad equipaggiare oltre le consolidate lame celate anche due spade che potrà usare simultaneamente e avrà indosso ben 4 pistole a pietra focaia. Altra novità parziale (perché già introdotta in Assassin’s creed III Liberation) risiede nell’ingresso della cerbottana, arma caratterizzata dai dardi dagli svariati effetti. Nell’arsenale tornerà direttamente dal terzo episodio il dardo con corda.

Rimane da capire che seguito avrà la trama che vede come protagonista Desmond Miles

In fase di lavorazione da fine 2011, Assassin’s Creed IV: Black Flag è previsto per il 31 ottobre per PC, PS3, Xbox 360 e Wii U; seguiranno verosimilmente le versioni per le nuove console.

via Panorama.

About The Author

Blogger per caso.. nel 1999 iniziai il sito che chiamai diario multimediale, solo in seguito si scoprì che era uno dei primi blog. Appassionato di molte cose, cerco di seguire i miei interessi tutti insieme, ovviamente diventando esperto quasi di nulla.

Related posts